Fondazione Goria

La Fondazione Giovanni Goria
al Salone Internazionale del Libro di Torino 2019

 

 

 

 

 

Sabato 11 maggio 2019
Lingotto fiere , Torino



Venticinque anni.
Memoria e progetti. La Fondazione Giovanni Goria nel 25° anno dalla scomparsa dell’On. Goria Fondazione presente al Salone Internazionale del Libro di Torino per presentare i suoi ultimi progetti e le sue iniziative editoriali.

In 15 anni dalla sua costituzione la Fondazione ha ideato e realizzato progetti che vanno dall’approfondimento delle tematiche economiche e sociali oggetto di discussione a livello nazionale ed europeo alla valorizzazione del patrimonio del territorio di riferimento. Un impegno presentato al Salone del Libro in due spazi espositivi e in due eventi. Il Primo appuntamento di sabato 11 maggio al Salone Off. Alle 20.30 al Polo del ‘900 è stato presentato il libro di Cristina Cattaneo “Naufraghi senza volto. Dare un nome alle vittime del Mediterraneo” l’autrice ha dialogato con Suor Giuliana Gallo, introdotta da Marcella Filippa, Direttrice della Fondazione Vera Nocentini.
La Fondazione ha collaborato all’evento con i ragazzi del progetto #Numerozero, percorso di avvicinamento alla progettazione culturale che vede protagonisti giovani studenti delle scuole secondarie di secondo grado, sperimentando il loro coinvolgimento diretto nell’ideazione dei percorsi culturali. (Il progetto è realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo, nell’ambito del “Bando Polo del ‘900”) Appuntamento istituzionale è stato quello di lunedì 13 maggio, alle ore 12.30, in Sala Argento, nello Spazio della Regione Piemonte con l’incontro ‘Mutamenti - Ambiente, paesaggi, architetture attraverso immagini di tre secoli’.

In questa occasione sono stati presentati i tre volumi nati dal progetto ‘Un secolo di modificazione del paesaggio e del territorio vitivinicolo del Monferrato Astigiano’, realizzato grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo. Si tratta dei due cataloghi delle sezioni della mostra ‘Mutamenti’, allestita nei mesi scorsi presso l’ex Chiesa del Gesù ad Asti e che da giugno diventerà itinerante. ‘Secondo sguardo – Asti, Monferrato e Langhe da Secondo Pia ad oggi’’ a cura di Franco Rabino e ‘Frammenti di utopia – Cantine Sociali nell’Astigiano, segni di stagioni controverse’ di Pierluigi Fresia.
Si tratta di uno sguardo al Monferrato e alle Langhe attraverso un percorso fotografico dalla fine del 1800 ad oggi. Il terzo volume invece è la ristampa anastatica dello studio ‘Aspetti e dimensioni del problema delle cantine sociali astigiane’ realizzato da Gianni Goria e pubblicato esattamente cinquant'anni fa a cura della Camera di Commercio di Asti.

Alla presentazione dei tre volumi, editi da Scritturapura Casa Editrice e realizzati da Astigrafica, sono intervenuti con Marco Goria, Presidente della Fondazione Giovanni Goria, gli autori dei saggi introduttivi: Franco Correggia, Luigi Varbella e Carlo Cerrato responsabile del progetto oltre agli autori delle fotografie. La Fondazione Giovanni Goria è stata presente nel prestigioso spazio degli Istituti Culturali Piemontesi e nello spazio condiviso, per la prima volta, con altre due realtà astigiane: la Fondazione Centro di Studi Alfieriani e Scritturapura Casa Editrice.

 

 

 

Utenti e contenuti

  • Utenti : 5
  • Contenuti : 227
  • Link web : 26
  • Tot. visite contenuti : 1517799

Questo sito utilizza cookies tecnici per garantire il servizio e cookies di terze parti per analisi sul traffico.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.
Visualizza la nostra Privacy Policy e l'informativa sui cookies.

Accetti i cookies da questo sito?